LIFEPEOPLE – INTERVIEW WITH…

“Il new deal” del glamour romagnolo

Pesarese di nascita e di famiglia fashion-oriented da sempre (la madre Valeria ed il padre Paolo sono gli sotrici titolari della boutique Ferretti di Riccione), Margherita è oggi la guru del gusto di Guidi Cult, luogo che sarebbe riduttivo definire boutique. E’ un luogo di culto estetico dove gli amanti del bello e del glamour si trovano priettati in atmosfere internazionali in una location costruita in maniera senzazionale: con ottone brunito e cristallo per la parte delle vetrine, pelle trattata vintage per il decor, uno “spaziale” pavimento di quarzite che proviene da una cava indiana andata in esaurimento, e suggestive pareti in pietra lavica (fatti prevenire appositamente da un vulcano messicano), sopra cui scorre l’acqua che crea un’originale cascata e creando un inedito nauture-cool-effect in centro città (Cattolica).
Dopo la laurea in lettere (a Bologna) e una collaborazione giornalistica per alcune testate locali, Margherita ha seguito la naturale inclinazione per la moda e plasmata dai suoi studi, oggi sceglie con attenzione collezioni colte e innovative, femminili e maschili, che propone nel suo spazio come Givenchy, Jil Sander, Giambttista Valli, Zegna, Brunello Cucinelli, Giorgio Brato, Dries Van Noten, Viktor & Rolf, Alice & Olivia, Alice & Trixie, Yrhusha e Mauro Zagliani.

Quali sono i criteri primari che stimolano la tua ricerca e la tua scelta? In primis sempre e comunque il buon gusto trasmessomi dai miei genitori e che significa cercare sempre di rispettare se stessi e seguire criteri oggettivi di estetica che canonicamente ci vengono trasmessi dalla cultura artistica e letteraria.
Qual è il nome che segnaleresti maggiormente oggi e perchè? Sicuramente Givenchy per la grande capacità di Riccardo Tisci di aver saputo rinnovare sulle ceneri della couture un marchio che regala certezze estetiche e moderne nel rispetto di una tradizione del buon gusto.
Il brand con il migliore sell-out in questa stagione? Per l’uomo si conferma sempre un “must” Zegna. Per la donna posso dire di essere molto contenta perché c’è un grande mescolarsi fra le cose che proponiamo, il che attesta la nostra capacità di creare e cogliere il consumatore finale.
Com’è cambiata la clientela oggi ed il tuo lavoro di conseguenza? La clientela oggi è decisamente più preparata ed esigente. C’è bisogno di una maggiore ricerca e provocazione, con delle chicche, e tutto deve essere calcolato e organizzato altre a creare un solido tessuto di relazioni
Il tuo prossimo sogno nel cassetto? Il mio motto è cercare di migliorarsi ogni giorno e costantemente. Questa è la mia vita professionale e personale. Il risultato è la mia quotidianità. La mia coerenza è la mia armonia e il mio sogno attuale e futuro.

Ottobre 2011 – testo e foto di Samuele Daves

Comments are closed.